Disaccordo sul CETA: attorno, addosso e sulla nostra tavola?