Immaginate che gli unici a poter importare il parmigiano siano i produttori di Parmesan, che andrebbero, quindi, a farsi concorrenza da soli, peraltro con il formaggio originale.

Vi sembrerebbe assurdo, vero?

E invece è più o meno così che funziona il CETA!

L’accordo, infatti, prevede che una sostanziosa quota, pari al 50%, di formaggi europei esportabili in Canada sia riservata ai produttori canadesi.

Un’importazione che, bisogna sottolinearlo, è FACOLTATIVA: accade, quindi, che i produttori utilizzino solo una piccola parte di questa quota, limitandosi all’introduzione sul mercato canadese di quei formaggi che non producono direttamente.

Ho immediatamente interpellato la Commissione con due interrogazioni scritte, e la risposta, fortunatamente, è stata di piena consapevolezza della problematica. Il sistema attuale non è ancora ottimale e sarà ridiscusso in un incontro già fissato per le prossime settimane tra UE e governo canadese.

Vi terrò aggiornati!